Film in streaming e on demand: sarà possibile vederli dopo pochi giorni?

Si fa sempre più decisa la volontà delle case di distribuzione di accorciare nettamente i tempi di attesa imposti finora alle piattaforme di streaming prima dell’uscita di una pellicola da poco proiettata nelle sale.

Vedere quindi, Film e serie tv in streaming poco dopo la loro uscita al cinema, standosene comodamente seduti davanti al proprio pc, potrebbe diventare una realtà non lontana.

La proposta, ancora da definire nei dettagli, vedrebbe gli studios disposti a mettere a noleggio i loro prodotti più recenti a prezzo maggiorato ma a sole due settimane dall’arrivo nei cinema.

I maggiori protagonisti del panorama Hollywoodiano si stanno già muovendo con le loro proposte. A fare la prima mossa è stata la Warner Bros, proponendo un prezzo di 50 dollari per noleggiare un film dopo soli 17 giorni dall’uscita nelle sale. Fox e Universal, d’accordo in linea di massima, hanno però giudicato eccessivo il costo all’utente e provato a negoziare prezzi più vantaggiosi a fronte di una maggiore attesa per l’uscita.

streaming e on demandSi sarebbe così giunti a un compromesso: una tariffa di noleggio di 30 dollari con vendita alle piattaforme online tra i 30 e i 45 giorni dopo l’uscita nelle sale.

Le cose sono ancora parecchio in alto mare, ma le linee guida del futuro dell’home video sono state tracciate. Apple ha già ottenuto alcune prime visioni in anticipo rispetto alle altre piattaforme e sta spingendo per ridurre ulteriormente le attese: iTunes potrebbe così fare da “pioniere” ad un modo del tutto innovativo di concepire la visione delle più importanti uscite cinematografiche.

Oggi del resto i tempi di uscita sulle piattaforme digitali e sui servizi streaming sono ancora lunghi e soprattutto soggetti ad un restrittivo sistema di licenze. Se le nuove volontà delle case di distribuzione dovessero essere rispettate potremmo avere un restringimento netto di tutte queste tempistiche.

Accordi sempre più frequenti tra produttori e distributori stanno modellando uno scenario ancora in evoluzione ma che sta puntando sempre di più sull’home video, lo streaming e l’on demand.

La crisi delle sale cinematografiche e il sempre più netto allontanamento del pubblico dalle vecchie modalità di fruizione sta portando tutti i protagonisti del settore a programmare nuove strategie che diano allo spettatore il massimo risultato con il minimo sforzo e la più alta delle comodità.

Puntare unicamente sui cinema non è più una strategia vincente, ma solo tra qualche tempio sapremo se la strada che si sta intraprendendo è quella giusta. Le possibilità per il futuro sono sempre di più: il piacere per il cinema non verrà mai meno per nessuno degli appassionati, ma è necessario ripensare ad una nuova politica dei prezzi e dei ricavi per non scontentare ancora di più un pubblico sempre meno abituato a godere del buio di una grande sala.

I guadagni sempre più risicati e gli equilibri precari non devono però mettere in secondo piano il pubblico, i suoi gusti e le sue abitudini. Andare incontro alle nuove tendenze è giusto, ma imporne di nuove potrebbe rivelarsi catastrofico.

Da Leggere..

Lascia un commento

Please Do the Math      
 

Your email address will not be published. Required fields are marked *