Autore: Team TV

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non è vero che i siti gratuiti di streaming sono sempre legati al mondo della pirateria.

Anzi, ne esistono di molto aggiornati e funzionali che possono essere utilizzati senza pagare un centesimo, su latrattativa.it puoi trovare parecchi consigli su cosa e dove vederli in modo legale.

film streamingNaturalmente bisognerà fare i conti con le innumerevoli pubblicità, con i pop up oppure con la possibilità di essere utilizzati solo per un determinato tempo al giorno. Ed è proprio questo che spesso spinge gli utenti, che ormai hanno preso familiarità con la piattaforma, a sottoscrivere un abbonamento. Un’altra operazione richiesta, spesso, è quella della registrazione allo scopo di inserire l’utente in sistema di mailing e invio di informazioni pubblicitarie.

Tra i siti gratuiti di streaming uno dei più interessanti è VVVVID che può essere utilizzato anche da smartphone e pc senza particolari restrizioni. L’offerta è molto ampia, c’è un elenco sterminato di titoli e serie tv, ma naturalmente i lavori più recenti, per esempio le esclusive di Netlfix o Sky, non ci saranno.

Oltre a tantissimi film recenti, ci sono anche dei grandi classici che appassionano un tipo di pubblico più adulto. Qualche esempio? L’intera filmografia di Bud Spencer, Terence Hill o Bruce Lee. Questi sito richiede la registrazione ma è un’operazione talmente veloce che non costituisce neppure un aspetto negativo.

Come molti utenti della rete già sapranno, un altro sito molto in voga è popcorn il quale consente di guardare moltissimi film a costo zero. Anzi, oltre al fatto che è gratuito su questa piattaforma non bisogna nemmeno scaricare Flash Player che può essere un handicap se si sta navigando con il tablet o per esempio con lo smartphone.

Un altro sistema particolarmente innovativo ma a tratti snobbato per alcune limitazioni è inoltre MyMovies Love. Questo funziona in maniera un pochino diversa dagli altri perché non puoi vedere un film quando e come vuoi.

Proprio come se stessi andando al cinema devi connetterti ad un determinato orario e puoi entrare in una “sala” soltanto previa prenotazione e fino a un numero massimo di utenti. C’è da dire però che l’offerta delle pellicole è freschissima e vengono trasmessi, proprio come al cinema, i più grandi successi.

Basta iscriversi e attivare un profilo gratis se poi, invece vuoi usufruire del servizio senza limiti di orari e di posti devi sottoscrivere un piccolo abbonamento ma è talmente irrisorio che tanti, dopo essersi abituati alla piattaforma, lo sottoscrivono senza problemi tutti i mesi.

Anzi tale è la qualità della visione e la vastità delle possibilità di scelta che ormai il passaparola si è diffuso in maniera piuttosto veloce e un numero sempre maggiore di giovani sta decidendo di pagare questa piccola somma.

Fondamentali sono stati i social in quanto molti hanno cominciato a postare la loro esperienza, dichiarando di aver visto film appena usciti in maniera gratuita e con un ottimo streaming e così un numero sempre maggiore di persone ha attivato il profilo gratis. A differenza di altri abbonamenti questo è settimanale ma ne vale comunque la pena.

Read Full Article

Si fa sempre più decisa la volontà delle case di distribuzione di accorciare nettamente i tempi di attesa imposti finora alle piattaforme di streaming prima dell’uscita di una pellicola da poco proiettata nelle sale.

Vedere quindi, Film e serie tv in streaming poco dopo la loro uscita al cinema, standosene comodamente seduti davanti al proprio pc, potrebbe diventare una realtà non lontana.

La proposta, ancora da definire nei dettagli, vedrebbe gli studios disposti a mettere a noleggio i loro prodotti più recenti a prezzo maggiorato ma a sole due settimane dall’arrivo nei cinema.

I maggiori protagonisti del panorama Hollywoodiano si stanno già muovendo con le loro proposte. A fare la prima mossa è stata la Warner Bros, proponendo un prezzo di 50 dollari per noleggiare un film dopo soli 17 giorni dall’uscita nelle sale. Fox e Universal, d’accordo in linea di massima, hanno però giudicato eccessivo il costo all’utente e provato a negoziare prezzi più vantaggiosi a fronte di una maggiore attesa per l’uscita.

streaming e on demandSi sarebbe così giunti a un compromesso: una tariffa di noleggio di 30 dollari con vendita alle piattaforme online tra i 30 e i 45 giorni dopo l’uscita nelle sale.

Le cose sono ancora parecchio in alto mare, ma le linee guida del futuro dell’home video sono state tracciate. Apple ha già ottenuto alcune prime visioni in anticipo rispetto alle altre piattaforme e sta spingendo per ridurre ulteriormente le attese: iTunes potrebbe così fare da “pioniere” ad un modo del tutto innovativo di concepire la visione delle più importanti uscite cinematografiche.

Oggi del resto i tempi di uscita sulle piattaforme digitali e sui servizi streaming sono ancora lunghi e soprattutto soggetti ad un restrittivo sistema di licenze. Se le nuove volontà delle case di distribuzione dovessero essere rispettate potremmo avere un restringimento netto di tutte queste tempistiche.

Accordi sempre più frequenti tra produttori e distributori stanno modellando uno scenario ancora in evoluzione ma che sta puntando sempre di più sull’home video, lo streaming e l’on demand.

La crisi delle sale cinematografiche e il sempre più netto allontanamento del pubblico dalle vecchie modalità di fruizione sta portando tutti i protagonisti del settore a programmare nuove strategie che diano allo spettatore il massimo risultato con il minimo sforzo e la più alta delle comodità.

Puntare unicamente sui cinema non è più una strategia vincente, ma solo tra qualche tempio sapremo se la strada che si sta intraprendendo è quella giusta. Le possibilità per il futuro sono sempre di più: il piacere per il cinema non verrà mai meno per nessuno degli appassionati, ma è necessario ripensare ad una nuova politica dei prezzi e dei ricavi per non scontentare ancora di più un pubblico sempre meno abituato a godere del buio di una grande sala.

I guadagni sempre più risicati e gli equilibri precari non devono però mettere in secondo piano il pubblico, i suoi gusti e le sue abitudini. Andare incontro alle nuove tendenze è giusto, ma imporne di nuove potrebbe rivelarsi catastrofico.

Read Full Article

È impossibile negarlo: televisivamente parlando, siamo nel pieno dell’era delle serie tv. Ce ne sono ormai per tutti i gusti e spopolano ormai anche in Rete, con Netflix a fare da padrone con le sue produzioni originali. Tra le tante novità degli ultimi anni però, una delle serie più attese è in realtà un ritorno.

Stiamo parlando di Twin Peaks, probabilmente la prima grande serie tv che godette di un successo davvero planetario, capace grazie ai suoi misteri di incollare allo schermo milioni di spettatori in tutto il mondo.

Bene, il capolavoro di David Lynch sta per tornare, ormai manca davvero poco. È prevista infatti per il 21 maggio prossimo la premiere della terza stagione, attesa praticamente dal 1991.

twin peaksDopo ben 26 anni, il cult scritto da Mark Frost e dallo stesso Lynch torna quindi sul piccolo schermo, per la precisione su Sky Atlantic, con una prima maxi puntata di due ore seguita da altri 18 episodi di un’ora ciascuno.

Sono mesi ormai che si susseguono indiscrezioni e notizie, tra l’altro ben filtrate dallo staff del regista, che non ha voluto far trapelare niente sulla trama e il cast della nuova stagione.

Qualcosa però è infine arrivato al pubblico della Rete, smanioso di sapere come sarebbe continuata la storia iniziata nei primi anni ’90 e che aveva come fulcro le indagini sulla morte della giovane Laura Palmer e i segreti di un piccolo paesino americano sperduto tra le montagne.

“Chi ha ucciso Laura Palmer?”: una domanda che tenne sulle spine tantissimi fan della serie e che3, nonostante abbia ricevuto infine una risposta, è tornata sulla bocca di chi attendeva da così tanto tempo un finale degno per un cult interrotto troppo bruscamente.

La nuova stagione sarà ambientata 25 anni dopo l’omicidio di Laura Palmer e riprenderà a raccontare l’odissea dell’agente Cooper, interpretato da Kyle MacLachlan, di ritorno a Twin Peaks dopo la svolta sovrannaturale presa dalle indagini durante la sua prima visita alla cittadina dei miseri, quando si ritrovò invischiato in qualcosa di ben più inquietante di un omicidio.

Sogni premonitori, viaggi tra le dimensioni e possessioni demoniache torneranno probabilmente a tormentare l’agente dell’FBI appassionato di torte e caffè.

Del mega cast annunciato nelle scorse settimane fanno parte 217 attori noti e meno noti. Della squadra originale si rivedranno lo stesso MacLachlan, Sherilyn Fenn, Madchen Amick, Sheryl Lee e David Duchovny, mentre fra le new entry della terza stagione si ricordano Laura Dern, Michael Cera e Trent Reznor e la nostra Monica Bellucci.

Senza contare poi la presenza dello stesso David Lynch: il pluripremiato regista di Mulholland Drive, Velluto Blu e Strade Perdute interpreterà il ruolo di Gordon Cole, il Capo dell’Ufficio Regionale dell’FBI.

Per quanto riguarda invece la trama specifica, si sa ancora poco. Che fine ha fatto il terribile Bob? Avremo ancora a che fare con le due Logge? Cosa c’è davvero dietro all’omicidio della teenager più famosa della città?

Lo scopriremo solo tra quale settimana. L’appuntamento è per il 21 maggio.

Read Full Article

Ancora comicità all’Arena Virgilio che chiude il cartellone degli eventi con un sabato sera tutto da ridere. Domani 20 agosto arriva infatti sul palco di piazza XIX Maggio Maurizio Battista, noto tra gli appassionati del cabaret come il romano dei record.

Autore di ben 21 spettacoli esilaranti, che dal 2001 stanno collezionando successi soprattutto nei teatri della Capitale, il comico di San Giovanni è un vero e proprio idolo per chi ama le serate all’insegna della spensieratezza.

Maurizio Battista a GaetaA Gaeta, più piena che mai in questi giorni di turisti romani, Maurizio Battista porterà “Una serata unica”, lo spettacolo che, sin dalla prima rappresentazione al Sistina di Roma, ha sempre fatto registrare il tutto esaurito.

La location, un teatro all’aperto da 2.700 posti, contribuirà sicuramente a scaldare la serata durante la quale il pubblico sarà trascinato in un viaggio attraverso gli ultimi 50 anni di storia italiana.

Il re dell’improvvisazione non mancherà di sottolineare, naturalmente in maniera esilarante, le differenze generazionali, ma anche i vizi e le virtù di una società cambiata radicalmente nell’arco di pochissimo tempo. Si tratta di uno spettacolo, dunque, adatto agli adulti ma anche ai giovanissimi che avranno così la possibilità di riflettere, ridendo, sulle contraddizione del gap, sempre più evidente, tra genitori e figli.

Così come accaduto in centinaia di esibizioni, le gag e i monologhi di Maurizio Battista saranno gli ingredienti di uno show tutto da ridere, all’insegna della schiettezza e del divertimento, dove la parola – semplice e sincera – raggiunge le pieghe dell’anima e dove una certa vivace romanità permette al comico di sbilanciarsi in una giungla di incongruenze tra contro e doppi sensi.

Nelle passate edizioni – spiegano gli organizzatori – abbiamo avuto modo di capire quanto il pubblico dell’Arena Virgilio apprezzi le serate dedicate alla comicità. In fondo in vacanza ci si vuole soprattutto divertire e trascorrere una bella serata spensierata è la conclusione ideale per rientrare in città e al lavoro con la giusta carica. Anche in fatto di cabaret abbiamo voluto rispettare il criterio dell’eterogeneità: dopo una risata di sapore partenopeo (Simone Schettino), abbiamo inserito nel cartellone degli eventi un appuntamento dedicato alla comicità romana. Maurizio Battista, del resto, è un grande del settore, non soltanto in tv, dove molti hanno avuto modo di conoscerlo seguendo Colorado, Buona Domenica o Quelli che il calcio, ma anche è soprattutto a teatro. Meglio se in un enorme e travolgente palcoscenico all’aperto quale di fatto è l’Arena Virgilio.

Arena Virgilio è un evento promosso dall’amministrazione comunale di Gaeta in collaborazione con Radio Spazio Blu, Labeventi e TEAME20. Per info e prevendite 328-6134275

Read Full Article

Parte con un grande classico l’Arena Virgilio che, dall’ 11 al 20 agosto, torna in piazza XIX maggio a Gaeta con grandissimi ospiti per allietare un pubblico di 2.500 persone. La prima serata è dedicata all’assoluta rivelazione della stagione teatrale 2016, Serena Autieri, raffinata, elegante e divertente protagonista de “La Sciantosa”.

La sciantosaNello spettacolo, scritto da Vincenzo Incenzo e diretto da Gino Landi, c’è tutta la Napoli che fa palpitare il cuore con le sue usanze, le sue musiche, le sofferenze, ma anche l’inarrestabile allegria e voglia di vivere.  Valore aggiunto della rappresentazione, il Quintetto Popolare Italiano con il quale Serena Autieri ripropone gli antichi classici della musica partenopea, oggi ascoltabili forse soltanto con il grammofono.

Da ‘A tazz’ e cafè a Comme facette mammeta, passando per  I’ te vurria vasà, Reginella e Suonne sunnate in un felice connubio tra classicità e modernità che continua a entusiasmare i teatri di tutta Italia. Serena Autieri, che in un’ora e mezza di spettacolo serrato balla, canta e dialoga con il pubblico facendogli rivivere la Belle Epoque, ricreerà a Gaeta le atmosfere dei café chantant, locali in cui un tempo le cantanti (poi divenute in napoletano le sciantose) eseguivano brani tratti dal mondo della lirica o da operette famose.

L’esordio di Serena Autieri nel mondo dello spettacolo risale a quasi vent’anni fa nel cast della soap napoletana Un posto al sole che le apre le porte del successo dandole, al contempo, il  passe-partout per accedere a programmi televisivi e fiction come Stranamore, accanto ad Alberto Castagna, Vento di Ponente, Tutti i sogni del mondo e Bulli & Pupe.

La sua bravura non sfugge al fiuto di Pippo Baudo che nel 2003 la vuole accanto a Claudia Gerini per la conduzione del Festival di Sanremo: una mossa vincente perché, per una volta sul palco dell’Ariston, le “vallette” convincono critica e pubblico.

Serena Autieri in La SciantosaPochi mesi dopo per Serena si apre il sipario del Teatro Sistina con il musical Vacanze Romane, accanto a Massimo Ghini;  dopo alcune incursioni nelle pellicole di Fausto Brizzi, Serena Autieri torna alla sua più grande passione, il teatro, conquistando un ruolo importante nello spettacolo Shakespeare in jazz, con Giorgio Albertazzi, per poi vincere il talent Tale e quale show con le strepitose imitazioni canore di Barbra Streisand, Loretta Goggi e Antonella Ruggiero. Ma è, secondo buona parte della critica, nei panni della sciantosa Elvira Donnarumma che Serena Autieri dà il meglio di sé.

Sguardo magnetico, verve partenopea e talento a 360 gradi sono gli ingredienti del successo, in questo spettacolo, di un’artista a tutto tondo che, grazie all’Arena Virgilio, sarà a Gaeta per far rivivere al pubblico i fasti e l’atmosfera dei primi del Novecento tra ritmi arabi, saraceni e americani, grandi classici della musica partenopea e note moderne di travolgente allegria. Per info e prevendite 328-6134275

Read Full Article

Non è stato mio figlio 2 si farà? Appare incerto il futuro della seconda serie della fiction tv con protagonisti Gabriel Garko, Stefania Sandrelli e Adua Del Vesco: a giudicare dagli ascolti – che sono stati piuttosto deludenti – la decisione potrebbe essere quella di non optare per una seconda stagione della fiction che, però, qualora proseguisse, potrebbe avere dei risvolti abbastanza interessanti.

non è stato mio figlio 2Infatti, come abbiamo visto nell’ultima puntata, andata in onda su Canale 5 domenica 24 aprile 2016, una possibile prosecuzione della fiction potrebbe essere il ritorno di Nunzia, il grande amore dell’imprenditore Andrea Geraldi: nonostante il personaggio sia morto, i fan sperano che, visto che non c’è stato un vero e proprio funerale, in qualche modo nella seconda stagione si possa far rientrare Nunzia, regalando così ad Andrea la tanto attesa storia d’amore.

Un altro possibile risvolto potrebbe essere, invece, il ritorno di Andrea con Rebecca: sappiamo, infatti, che l’uomo diventerà padre e che a dare alla luce il suo primo figlio sarà proprio lei, la sua prima fidanzata.

Ma il vero spunto di riflessione proviene invece da Alma, che nessuno è più riuscito a trovare: la donna, con seri problemi mentali, ha cambiato identità e adesso è la baby sitter del vero figlio di Barbara, di cui però Magda non è a conoscenza. Ciò rende possibile la decisione di fare una seconda serie, ed i fan della fiction non aspettano altro.

Read Full Article